Una serata da ballare per salutare insieme un’estate da ricordare

SATRIANO Iniziativa di 15 ragazzi

Estate che si avvia alla conclusione. Estate satrianese che è stata un crescendo di iniziative, intrattenimenti culturali, musicali e sportivi. Non poteva, quindi , essere momento e luogo migliore quello che ha visto, o meglio ascoltato, tanta gente assiepata in piazza Caduti sul lavoro, quasi all’ingresso del centro storico di Satriano. Ci ha pensato un gruppo, circa quindici ragazzi ben affiatati, e, soprattutto, desiderosi di contribuire con la loro spontanea iniziativa a dimostrare che, quando l’idea è accompagnata dalla ferma volontà di riuscire, si può raggiungere l’obiettivo prefissato. Ed è stato proprio così. Forse neanche gli stessi organizzatori, “quei bravi ragazzi”, immaginavano una così vasta, entusiasta e attiva partecipazione all’iniziativa. Già all’imbrunire era tutto un via vai di ragazzi, giovani e meno giovani che, a frotte, giungevano, non solo per ammirare il magnifico panorama della vallata del fiume Ancinale, ma anche per stare vicini, ascoltare, ballare, socializzare. Quando è scattata la fatidica ora non c’era più spazio per ospitare gli scatenati amanti della buona musica live, “back to the 90”e dalla degustazione di prodotti locali. Al primo accenno del dj Pietro Arena è scattato un ballo collettivo con mani alzate al cielo stellato più che mai. La serata è, quindi, proseguita all’insegna della più spontanea allegria. Balli sfrenati con le perfomance da Lawrence pad a Majno voice, da Antonio M. a 900JS: tutti nomi, ovviamente, d’arte che hanno saputo coinvolgere i presenti. Per la verità la festa non è stata solo musicale ma intervallata negli stand da “assaggi” culinari a base di salame locale, panini, salsicce, vino e birra. La serata è andata avanti sino alle prime luci dell’alba quando, magari, il sonno è stato capace di far rallentare i ritmi imposti e far rientrare, stanchi ma soddisfatti, nelle abitazioni “quelli della notte”. Alla fine tutti soddisfatti dal clamoroso successo e, soprattutto, contento di poter contribuire con il ricavato a rinnovare la piazza Caduti sul lavoro. 
Ferruccio Ranieri
dalla Gazzetta del Sud del 5 settembre 2013

Aggiungi un commento

Vostro Commento