Un impianto di smaltimento rifiuti

Isca Jonio Lunedì 29 giugno

Seminario dell’Unione dei Comuni

Un impianto di smaltimento rifiuti

 

Con un seminario conoscitivo ad hoc, l’Unione dei Comuni del Versante Jonico avvia il procedimento per la realizzazione di un impianto di trasformazione e distruzione dei rifiuti ecocompatibile con recupero energetico. Un argomento molto delicato, come del resto ormai da tempo dimostrano anche le cronache locali e nazionali che trattano di «emergenza rifiuti». Un settore, dunque, nel quale l’Unione dei Comuni punta ad entrare per fornire un servizio sicuro al territorio, attraverso l’iniziativa seminariale organizzata dal responsabile del settore sviluppo del territorio Orlando Donato. L’incontro si terrà lunedì alle 12 nella sede di Isca Marina dell’ente sovracomunale. Interverranno alcuni specialisti che esporranno l’argomento ai rappresentanti dell’Unione e ai sindaci (e responsabili tecnici dei rispettivi Comuni) che ne fanno parte. Con l’iniziativa, alla quale sono stati invitati anche il prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa, il viceprefetto Sebastiano Cento, la presidente dell’Amministrazione provinciale Wanda Ferro e l’assessore regionale all’ambiente Silvestro Greco, l’Unione intende dare seguito alle disposizioni del consiglio, per individuare un sistema di smaltimento idoneo alle esigenze del territorio, in grado di rendere autonomi i suoi Comuni in questo settore. (f.r.)

dalla gazzetta del sud del 28 giugno 2009

Commenti (6)

oretta28 giugno 2009 alle 10:29

allora finalmente parte la raccolta differenziata?

Veleno28 giugno 2009 alle 14:26

Credo che insieme ad essa parta la costruzione di un termovalorizzatore.

admin28 giugno 2009 alle 14:27

No oretta forse non hai capito ,
credo che si tratti di un impianto per trasformare i rifiuti in energia.
Ti faccio un esempio :
Si caricano i rifiuti su in camion si scaricano poi in una grande fornace , ed il calore prodotto viene poi usato per produrre energia e acqua calda.
:D
Quello che elegantemente viene chiamato termovalorizzatore.

E’ moderno perchè a differenza degli antichi inceneritori che bruciavano e basta , questi producono anche energia , ma come ormai è già provato , anche questi emettono polveri sottili nell’atmosfera ( altamente Cancerogene) , sicuramente meno dei vecchi inceneritori , ma comunque in quantità tale da diventare un pericolo per la salute pubblica.

oretta28 giugno 2009 alle 17:20

la parola rifiurti ecocompatibili mi aveva fuorviato
si, faremo la fine di acerra
inutile dirlo , sul sito del comune nemmeno una riga al prposito

e silvestro greco (nominato da pecoraro scanio) che dice? non mi dire che è d’accordo
ho provato a cercare su internet ma non c’è una riga sull’argomento
povera calabria come ti stanno modernizzando

admin28 giugno 2009 alle 22:44

Ciao Oretta , prova a leggere questo articolo.
http://www.ecoage.it/termovalorizzatore.htm

Ciao
Stepro
(Stefano)

oretta29 giugno 2009 alle 07:39

certo meglio bruciare che differenziare e riciclare, si fa prima!!!!
fare prima è quasi sempre FARE MALE
stefano dobbiamo opporci, tenacemente
qualcuno sa si è formato un comitato di cittadini per fare una ferma opposizione?
riaggiorniamoci su questo forum per favore
stiamo parlando della nostra salute

Aggiungi un commento

Vostro Commento