Ufficio postale chiuso Disagi per gli utenti

L’ufficio postale del centro storico sansostenese rimane chiuso nei giorni d’apertura.
Accade anche questo nel basso Jonio soveratese, dove i borghi collinari vengono bersagliati ormai da tempo da una serie infinita di disagi nei più svariati servizi pubblici. A San Sostene superiore, dunque, nel corso di questa settimana è capitato che proprio nei giorni indicati da Poste Italiane come di piena operatività, l’ufficio rimanesse, invece, desolatamente chiuso. La conseguenza, inevitabile, è stata che i clienti hanno dovuto servirsi della filiale in Marina. A patire il disagio maggiore, come sempre, è stata in particolare la fascia di popolazione anziana, priva – in buona parte dei casi – di mezzi propri e, dunque, penalizzata negli spostamenti lungo un percorso stradale lungo circa dieci chilometri di tornanti. Al di là di eventuali pagamenti in scadenza o altre operazioni di sportello, è un problema evidente quello che vengono a subire i pensionati: magari hanno aperto all’ufficio postale un libretto di risparmio o un conto corrente e, proprio nel giorno in cui ne avrebbero necessità, si trovano poi a non poter disporre dei loro risparmi.

Il problema è stato anche denunciato dal gruppo consiliare di minoranza, guidato da Domenico Fera, che ha lanciato un appello alla direzione provinciale di Poste Italiane affinché siano evitate queste chiusure impreviste dell’ufficio «che, di fatto, privano i clienti di un servizio per il quale hanno pagato e stipulato un contratto» spiega il consigliere Fera.(f.r.)

dalla gazzetta del sud del 16 dicembre 2010

Commento (1)

oretta19 dicembre 2010 alle 18:24

il motivo della chiusura quale è???
non è che dopo i treni ci tolgono anche gli uffici postali??

Aggiungi un commento

Vostro Commento