Troppe proteste su Venditti. Annullato il concerto a Vibo

La società organizzatrice ha annunciato che non si farà la serata in programma per il prossimo 28 settembre, parlando di «campagna denigratoria nei confronti dell'artista». La polemica si è innescata per le parole espresse dal cantautore romano sulla Calabria durante un concerto in Sicilia

VIBO VALENTIA – Antonello Venditti non sarà a Vibo Valentia. Il concerto in programma per il prossimo 28 settembre, al Molo verde, è stato definitivamente annullato. Troppe polemiche, troppi rancori per quelle frasi pronunciate dal cantautore romano sulla Calabria, durante un concerto che si tenne in Sicilia. La comunicazione ufficiale è stata data dalla società che aveva organizzato l'evento.

«Dopo la presentazione dell’evento, in occasione del Premio Faro del 25 Agosto 2012, cui ha fatto seguito il relativo comunicato stampa, è iniziata una campagna denigratoria nei confronti dell’artista». La T&G Group ha così evidenziato che «trattandosi di un concerto, a pagamento (una percentuale dell’incasso era destinato all’Associazione Italiana Sclerosi Multipla di Vibo e Crotone), con investimenti di capitali aziendali propri e senza aiuto alcuno da parte della Regione Calabria, della Provincia di Vibo e del Comune di Vibo, siamo in presenza, per noi, di grandi danni di immagine, di vendita di biglietti e di acquisizione di sponsorizzazioni».

Un concerto, dunque, che ha provocato sin dall'inizio una marea di reazioni, fino al suo annullamento e allo strascico di polemiche che ne stanno derivando e che certo chiudono la possibilità di un'esibizione futura di Venditti in Calabria.

14 settembre 2012
da il quotidiano della Calabria
 
 

La rivolta dei calabresi in rete
contro il concerto di Venditti

Il cantautore si esibirà il 28 settembre a Vibo Marina, ma gli internauti non gli perdonano la frase infelice pronunciata durante un concerto a Marsala: «Ma perché Dio ha fatto la Calabria? In Calabria non c'è veramente niente, ma niente che sia niente». E sui social network impazza la polemica

di FRANCESCO RENDE

 

C’È chi prega affinchè il proprio artista preferito arrivi il più possibile vicino casa per poterlo andare a vedere e chi, invece, un artista all’interno dei propri confini regionali proprio non lo vuole.

E’ quantomeno singolare quello che sta succedendo in Calabria per il concerto di Antonello Venditti del prossimo 28 settembre a Vibo Marina: alla notizia che il cantautore romano scenderà nel Sud d’Italia per tenere un concerto, sui social media e sui vari blog si è alzata una vera e propria voce unica di dissenso.

Sono in molti, infatti, a non aver dimenticato quello che l’autore di “Roma capoccia” disse a proposito del lembo di terra che va dal Pollino allo Stretto: «Ma perché Dio ha fatto la Calabria? Io spero – ha detto l’artista durante un suo concerto a Marsala nel 2009 – che si faccia il ponte, almeno la Calabria esisterà. Qualcuno deve fare qualcosa per la Calabria…Ho conosciuto un ragazzo calabrese che prendeva il traghetto per la Sicilia, dove trovava una ragione, la cultura. In Calabria non c'è veramente niente, ma niente che sia niente».

Il video delle dichiarazioni raccolse milioni di visualizzazioni su Youtube e l’incidente diplomatico si chiuse solo quando l’artista si scusò con Loiero e Scopelliti, dicendo che la sua era un’esortazione a fare di più.

Adesso, l’artista torna per un concerto a pagamento presso il molo verde del Porto di Vibo Marina, e riparte la polemica. D’altronde, Oscar Wilde non aveva mica sbagliato: “Bene o male, purchè se ne parli…”.

06 settembre 2012 09:40

 

Aggiungi un commento

Vostro Commento