Tempo pieno Il ripristino ha evitato la migrazione di iscrizioni

Massimo Ranieri
S. Andrea JONIO
Il ripristino del tempo pieno per la primaria del capoluogo e la scuola dell’infanzia della marina ha colto tutti di sorpresa.
Nei giorni scorsi alcune mamme si erano recate negli uffici del Comprensivo per procedere all’iscrizione dei propri figli in altri plessi scolastici, in particolare quello di Isca Jonio, che è vicino.
L’idea era stata quella di muoversi in gruppo e anche di tenere uniti i bambini che avevano condiviso le prime esperienze scolastiche e d’amicizia.
La notizia del proseguimento del tempo pieno è stata accolta dunque con grande stupore ma anche con grande gioia perché il taglio del servizio scolastico sembrava inevitabile. Ma evidentemente si sono create le condizioni favorevoli per il suo proseguimento e pressanti erano state, comunque, le richieste e l’interessamento anche degli stessi genitori, della scuola e degli amministratori che si erano opposti al preliminare organico di diritto di qualche mese fa che aveva escluso il tempo pieno. L’organico, di fatto, invece ha capovolto la situazione andando incontro a tutte le famiglie che nella scuola vedono un punto di riferimento sicuro per la crescita dei figli ed in particolare a quei genitori che sono ambedue impegnati nel lavoro.
dalla Gazzetta del Sud del 12 settembre 2011

Aggiungi un commento

Vostro Commento