Soverato – Arriva il teatro nazionale dei burattini

Grande attesa e fermento per la compagnia del teatro nazionale dei burattini di Mauro Apicella, che approderà a Soverato dal 7 luglio, dopo 10 anni di assenza. Una festa che contagerà tutti  senza distinzione di età per il cosiddetto teatro di figura particolare genere teatrale che utilizza burattini, marionette, pupazzi, ombre, oggetti, impiegandoli in qualità di attori protagonisti dello spettacolo. Il teatro nazionale dei burattini propone spettacoli teatrali nell’intento di staccare i bambini e i ragazzi da un mondo troppo multimediale, fatto di televisione e playstation, riportandoli in un mondo magico di sana e pura allegria. Da anni operante nel settore, la Compagnia viene a strutturarsi in una organizzazione teatrale a passo con i tempi, in cui l’eredità di famiglia si concilia con la modernità e la novità portata dal nuovo sodalizio artistico, è un punto di riferimento in Italia e all’estero. Una ventata di arte, freschezza, bravura e novità dunque per la cittadina jonica che potrà assaporare la professionalità della compagnia dal 7 luglio presso il lungomare europa e che dovrebbe restare (si attende conferma) fino a metà agosto. Mauro Apicella contattato telefonicamente in esclusiva da” Il Quotidiano ” afferma come sia “Un lavoro che si tramanda di generazione in generazione svolto con il principale ingrediente : la passione. Sul Lungomare verrà allestita una struttura fissa di legno, dalla compagnia, dove verranno svolti gli spettacoli.Tante le commedia portate in scena-prosegue Apicella- da Goldoni a De Filippo.” Momenti quindi di alta qualità. Burattini creati da loro stessi. “ Ogni burattino diventa una propria creatura, che crei, modelli e vivi. Siamo innamorati di ciò che facciamo. La bravura del burattinaio si vede nel cambiamento delle voci, dell’umore.” Gli spettacoli salvo cambiamenti saranno nel pomeriggio per le 18.30  e la sera dopo cena, dalle 21.30 alle 23 ogni; giorno verranno proposti fino a  5-6 volte e ogni giorno ovviamente sarà uno spettacolo diverso ad incantare quanti vorranno vivere questa magia data dal mondo affascinante di questi pupazzi portati in  scena a mezzo busto, mossi dal basso della mano del burattinaio che lo infila come un guanto, è un pupazzo con il corpo di pezza e la testa di legno o altro materiale che in modo allegro, ironico e simpatico interpreta vari personaggi amati da un pubblico  che come dichiara Apicella, è molto vasto, infatti  va dai 3 ai 90 anni. Si sa è un mondo per certi versi misterioso che sviluppa fantasia e curiosità nei piccoli ma non solo. Tra i burattini più “gettonati “ Pulcinella, Don Felice, Totò, Carolina, Colombina, Don Florindo. Ci saranno poi personaggi delle fiabe quali: diavoli, streghe, maghi, e non mancheranno le maschere come quella dedicata ad Alberto Sordi. Inoltre la compagnia è presente con attività di laboratorio in diverse scuole a livello pedagogico, per mostrare la creazione di un burattino fino all’animazione scenica. Ampio il  repertorio che conta oltre 60 commedie,  da “Pulcinella e Sandokan”, a “ Pulcinella Don Gennaro e il morto burlone”, a “Pulcinella maestro di ballo”. La parola d’ordine quindi per tutti è : non mancate! 300 i burattini attivi e per ogni spettacolo avremo modo di vederne da 3 a 10. “Si manovrano  8 burattini a commedia a volte c’è la stanchezza ma la qualità è sempre alta offerta al pubblico. Un grande lavoro dietro ciò che si vede quindi non solo allegria e risate ma impegno, lavoro, ogni commedia ha i suoi personaggi  e burattini da portare in scena”. Non resta che attendere entusiasti il 7 luglio per un qualcosa che siamo certi, non deluderà. Antonella Rubino 
da il Quotidiano della Calabria

Aggiungi un commento

Vostro Commento