Scontro frontale tra due auto muore una donna sulla “106″

Santa Caterina Illeso il conducente dell’altra macchina

Scontro frontale tra due auto muore una donna sulla "106"
 

 

Francesco Ranieri
Sant’Andrea jonio
Incidente mortale nella serata di ieri a Santa Caterina sullo Jonio. Una donna, Bruna Pintus, nata a Cagliari ma residente a San Sostene, 63 anni, ha infatti perso la vita a seguito di un incidente stradale. In particolare, per cause ancora in corso di accertamento, la macchina della donna, che stava percorrendo la statale 106 direzione Reggio Calabria, si è scontrata frontalmente con un’altra autovettura che percorreva la strada in senso opposto.
La donna si trovava alla guida di una Fiat Cinquecento, mentre alla guida dell’altra auto, una Citroen, si trovava un giovane, L.G., 27 anni, che invece è rimasto illeso. Sul posto sono giunti i sanitari del 118 che hanno provveduto a soccorrere la donna, tentando invano di rianimarla: il forte urto le è stato fatale.
La vittima è infatti rimasta schiacciata tra il piantone dello sterzo e il sedile: la parte anteriore della carrozzeria è stata completamente schiacciata, al punto che è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco, che hanno provveduto ad estrarre la donna dalle lamiere. A niente sono valse le immediate cure dei sanitari del Suem 118, che hanno tentato di rianimarla: i medici hanno infatti eseguito l’elettrocardiogramma che però ha dato esito negativo.
L’incidente mortale è avvenuto lungo la strada statale 106, all’altezza del ponte sul torrente Ponzo nel territorio di Santa Caterina, uno dei punti più pericolosi dell’arteria, in quanto c’è un restringimento della carreggiata. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della Compagnia di Soverato che hanno provveduto ad effettuare i rilievi del caso, ed hanno inoltre provveduto a regolare il traffico. Lunghe code si sono formate, con il traffico rallentato per alcune ore.

dalla Gazzetta del sud del 13 dicembre 2008

Commento (1)

la quarta scimmia15 dicembre 2008 alle 17:04

quanti morti ancora su questa maledetta strada? quanto tempo ancora ci vorrà prima che una variante autostradale eviti alla maggior parte dei mezzi di passare per paesini senza semafori, senza attraversamenti pedonali, senza marciapiedi e senza controlli delle forze dell’ordine? Abolito il treno diretto, con strade pericolose non vigilate, come può il turista scegliere la calabria jonica? e la signora wanda ferro che dice?

Aggiungi un commento

Vostro Commento