San Sostene – Si dimettono 3 consiglieri della minoranza

 San Sostene – Si dimettono 3 consiglieri della minoranza

 

Vista l’attuale insostenibile situazione  che si è venuta a creare , sia durante i consigli comunali , sia negli “show” televisivi, dove l’attuale Sindaco, getta continuamente discredito sui Consiglieri di minoranza, venendo meno al rispetto che, il primo cittadino, ha l’obbligo di avere verso l’intero Consiglio Comunale, il tutto, esclusivamente, con il solo scopo di scaricare a questi  gli errori del suo operato, inventando fantasiose denunce da parte dei Consiglieri di minoranza ed accusandoli di ostacolare lo sviluppo del territorio.

Questo comportamento arrogante ed antidemocratico, da parte del primo cittadino di San Sostene, non solo rischia di destabilizzare l’ordine pubblico, ma fomenta possibili ritorsioni contro chi ha sempre lavorato per il bene del proprio paese.
A tal proposito ci teniamo a precisare che :
 
-         Mai il gruppo di minoranza ha presentato denunce contro il parco eolico !
Semmai va chiarito che, in tutta la nostra Regione, le Forze dell’ordine, stanno eseguendo delle indagini sui parchi eolici , così come a San Sostene e questo non è certo dovuto all’opera dei Consiglieri di minoranza , come il fantasioso Sindaco asserisce.
 
-         Mai, il gruppo di minoranza ha presentato denunce contro il parco commerciale !
Su questo argomento, avevamo richiesto durante i consigli comunali di adeguare i valore dei terreni da espropriare ad un giusto valore di mercato, giusto per tutelare quanti hanno fatto dei sacrifici per avere un pezzo di terra;
non abbiamo mai detto di non volere la realizzazione del centro commerciale a San Sostene, anzi , abbiamo sempre auspicato uno sviluppo, ma nel rispetto delle regole Democratiche e quindi non avallando le idee di un novello Robin Hood al contrario.
 
-         Non è comprensibile l’ANTIDEMOCRATICO comportamento del Sindaco che,
durante l’ultimo consiglio comunale, dove si doveva approvare l’acquisto di un palazzo, da parte del Comune,  i Consiglieri di minoranza, chiedevano di potere visionare la documentazione (mi pare il minimo ed è un dovere che ogni Consigliere deve fare, maggioranza compresa) , il presidente del Consiglio Comunale ( cioè il Sindaco)  rivolgendosi al Segretario Comunale esclamava : “andiamo avanti che lo approviamo da soli”.
Visto che siamo in Democrazia (gran bella parola), questo è stato il comportamento del primo cittadino di San Sostene!
Questo comportamento “Democratico”, gli ha permesso di potersi pavoneggiare  il giorno seguente  su una emittente locale, asserendo che: “la minoranza NON vuole lo sviluppo del paese”.
 
Per di più :
·       Da Gennaio il nostro capogruppo non riceve le copie delle delibere di giunta ;
·       Spesso e volentieri non si riesce a prendere visione dei documenti prima dei consigli comunali ;
·       Mai durante le sedute si è dato lettura ai verbali della seduta precedente;
 
Segni tangibili che a San Sostene la democrazia, momentaneamente, ci pare essere in vacanza !
 
Nell’ultimo “Show” televisivo, sempre sulla stessa emittente locale , oltre ad additare “i soliti che non vogliono lo sviluppo” ed a pronunciare frasi del tipo :” i Sansostenesi devono sapere che ci sono sempre le stesse persone che ostacolano……ecc.”, mette in discussione l’operato dei Carabinieri di Davoli, a cui va tutta la nostra solidarietà ed apprezzamento , per l’opera sempre svolta a favore dei cittadini e della legalità. Carabinieri che in Italia sono stati sempre simbolo di legalità e segno della vicinanza e tutela dello stato verso il cittadino.
 
Visto che in questo territorio non si riconosce il ruolo di un organo dello Stato come i Carabinieri e si calpesta la democrazia , non ci sentiamo più disposti a partecipare alle sedute consiliari.
 
Con la presente i Consiglieri di minoranza , Stefano Procopio , Piero Aloisio e Gregorio Aloisio
rassegnano le dimissioni dalla carica di Consigliere.
 
Ringraziamo coloro che ci hanno sostenuto fino ad oggi e siamo certi che condivideranno questa decisione.

Commenti (5)

G. SALVATORE LENTINI1 settembre 2008 alle 12:59

Esprimo la mia piu completa solidarieta’ ai consiglieri dimissionari e condivido in toto il loro operato .

saverio1 settembre 2008 alle 13:07

Purtroppo, caro Stefano, anche conoscendo i motivi della vostra decisione, non posso condividere questa decisione per il semplice fatto che se da consiglieri comunale non potevate far niente, da cittadini potete fare ancora di meno. Me ne avevi parlato, ma pensavo fosse solo uno sconforto passeggero, invece mi pare che sia una decisione ponderata a lungo, e ne sono dispiaciuto; la stima che da sempre provo per te rimane immutata, anche se questa tua decisione non riesco a condividerla

tizio1 settembre 2008 alle 14:48

Condivido la vostra scelta , e sono solidale con voi. negli ultimi anni si raccontano tante frottole e nulla di concreto , la prova è nei disagi che la popolazione e noi emigrati e turisti abbiamo dovuto sopportare. Carenza idrica ( però il campo di calcio della marina si annaffiava regolarmente) , montagne di spazzatura , strade chiuse , spiaggia da voltastomaco, puzza sul lungomare ( lato lido sirena).
Mai negli anni ricorno un estate così negativa ( forse 30anni fà).

Stepro1 settembre 2008 alle 15:32

Ciao Saverio , ti ringrazio per la stima , ma come abbiamo scritto nel manifesto qui non ci sono piu i presupposti , pensa che ancora aspetto documentazione chiesta da oltre un anno ……
Preferisco essere un cittadino e fare meno , piuttosto che …….
Io ho la coscenza a posto , non ho mai denunciato nessuno e la sera dormo sonni tranquilli faccendo dei sogni stupendi . Le notti tempestose ed insonni li lascio ad altri.

Giuseppe Gualtieri1 settembre 2008 alle 20:36

Non conosco bene le vicende e per questo non voglio esprimermi.
Per quanto concerne i fatti riportati e vi assumete la responsabilità della veridicità:
1) Non poter visionare in anticipo la documentazione relativa ai consigli comunali.
2) La mancata visione dei verbali della seduta precedente.
3) Il Capogruppo non riceve le delibere di giunta.
Questi sono obblighi di legge a cui anche il Sindaco di San Sostene deve adeguarsi e rappresentano una grave violazione.
Su questi fatti si avreste dovuto fare una denuncia alla Procura della Repubblica.

Aggiungi un commento

Vostro Commento