San Sostene È una lista per metà composta…

È una lista per metà composta da donne "La colomba" guidata dal candidato sindaco Cristian Michelangelo Zangari.
Ventotto anni, carrozziere, Zangari arriva proprio dalla maggioranza uscente guidata dal sindaco Luigi Aloisio e, assieme alla collega consigliere Paola Buoncore, ha creato questo movimento per offrire a San Sostene un progetto attento alle esigenze dei giovani.
«La lista "La colomba" – spiega – punta a dare risposte concrete a tutti e in particolar modo ai giovani, perché partendo da loro si può dare vita a qualcosa di costruttivo per il futuro. La lista nasce dalla ricerca di continuità amministrativa, per portare avanti il lavoro di Aloisio e valorizzarlo ulteriormente».
Prima di presentare alcuni punti concreti, Zangari illustra anche l’ambizione "immateriale" di «creare un senso di unità all’interno della comunità sansostenese, con un’amministrazione sempre più attenta ai cittadini, attraverso consigli comunali aperti ai loro interventi e con pubblicazioni periodiche della giunta. Un modo insomma – sottolinea – per tenere informata la cittadinanza e per capirne le esigenze più profonde».
Sul fronte progettuale più concreto, Zangari proietta poi lo sguardo sulle risorse di S. Sostene, rappresentate dal mare, dalla montagna e dal borgo. «Lo sviluppo del turismo passa attraverso la valorizzazione della zona costiera – afferma infatti – visto che abbiamo un litorale tra i più belli d’Italia. Per valorizzarlo pensiamo a delle zone dedicate all’intrattenimento ma anche alla possibilità di creare un porto turistico in grado di accrescere le presenze sul territorio cittadino e comprensoriale».
Guardando al centro storico, poi, Zangari pensa a strutture legate al turismo culturale: «Musei e biblioteche potrebbero aiutare l’appetibilità del borgo, da rendere ancora più attraente con aree verdi attrezzate». Infine, accanto ovviamente alla prosecuzione lungo la strada delle energie rinnovabili, il capolista de "La colomba" pensa a un incremento dei servizi comunali e al miglioramento del settore della polizia municipale «per accrescere la sicurezza dei cittadini». (f.r.)
dalla Gazzetta del SUd del 26 aprile 2011

Aggiungi un commento

Vostro Commento