Risultavano al lavoro ma invece non c’erano Chiesto il processo

 

Nove dipendenti di Multiservizi

catanzaroTruffa: con quest’accusa la Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di nove dipendenti della società cooperativa Multiservizi di Soverato, che nel 2007 gestiva un progetto all’Istituto tecnico per geometri del centro jonico. I nove indagati, secondo quando sostenuto dall’accusa, pur avendo attestato la loro presenza al lavoro si sarebbero assentati senza giustificazione.
Secondo quanto appreso, nel corso delle indagini scaturite adesso nella richiesta di rinvio a giudizio, i lavoratori sarebbero stati ripresi dalle videocamere dell’Istituto scolastico mentre si sarebbero allontanati durante le ore di lavoro. Da parte loro, invece, nel corso delle indagini i nove si sono sempre protestati innocenti.
Nei mesi scorsi la Procura della Repubblica ha chiuso le indagini ed ora il sostituto procuratore Carlo Villani ha chiesto il rinvio a giudizio dei nove. Il giudice per le udienze preliminari del capoluogo ora è chiamato a fissare la data per l’udienza preliminare, nel corso della quale comunque tutti gli indagati avranno modo di dimostrare la propria estraneità ai fatti contestati dall’accusa.

I nomi delle persone per le quali la Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto al gup il rinvio a giudizio sono i seguenti: Rosaria Bonifacio, Salvatore Palaia, Gabriella Perlati, Teresa Saia, Teodoro Alessandro Viscomi, Francesco Domenico Voci, Giuseppe Voci, Giuseppe Marascio e Pasquale Morrone.(g.l.r.)

dalla gazzetta del sud del 29 maggio 2010

Aggiungi un commento

Vostro Commento