Offre un passaggio a due giovani e tenta di violentare una delle ragazze

Dopo una serata trascorsa in una nota discoteca
L’intervento della Polizia ha messo in fuga l’uomo

Giuseppe Mercurio
Un passaggio dopo la discoteca. Una cosa normale all’alba di domenica mattina dopo una notte trascorsa tra musica e divertimenti. Mai però quelle due giovani donne avrebbero immaginato che un comportamento abbastanza usuale nei giovani che frequentano le sale da ballo si potesse trasformare in un incubo con quella persona che le aveva dato un passaggio che avrebbe molestato sessualmente una delle due giovani donne. Ma il loro presunto molestatore, grazie alla prontezza delle due ragazze, è stato subito identificato dagli agenti della Polizia del commissariato di Lido, diretto dal vicequestore Giacomo Cimarrusti, che, con la collaborazione dei colleghi delle Volanti, lo hanno arrestato all’alba di ieri con l’accusa di violenza sessuale e sequestro di persona. Si tratta di Achille Curcio, 35 anni, residente a San Sostene.
L’allarme è scattato ieri mattina verso le ore 05.30 quando la sala operativa della Questura ha allertato i colleghi delle Volanti perché in località Roccelletta di Borgia una ragazza aveva segnalato una violenza sessuale in atto. Giunti sul posto, gli agenti hanno incrociato nelle vicinanze di un camping di Roccelletta di Borgia una ragazza, che successivamente è stato verificato essere minorenne. La ragazza, in evidente stato di agitazione, ha riferito agli agenti che la cugina maggiorenne era stata oggetto di una violenza sessuale ad opera di un individuo allontanatosi a bordo di un’autovettura Fiat Grande Punto di colore scuro. Rintracciata la cugina maggiorenne, la ragazza ha riferito ai poliziotti di essere stata oggetto di un tentativo di violenza sessuale ad opera di uno sconosciuto, precisando i particolari che aiutavano i poliziotti all’individuazione di Achille Curcio, rintracciato nella sua abitazione a San Sostene.
Le due ragazze hanno raccontato quello che era successo nelle prime ore di domenica: le due cugine sono uscite dalla discoteca che si trova in località Roccelletta di Borgia verso le ore 5 e di aver accettato un passaggio da un individuo, a loro sconosciuto, che si trovava a bordo di una Fiat Grande Punto di colore scuro nei parcheggi della discoteca. Durante il tragitto, l’uomo avrebbe condotto le ragazze in una zona buia della Roccelletta, in particolare nella pineta, con la scusa di dover consegnare un mazzo di chiavi a un suo parente. Qui, secondo il racconto delle due ragazze, avrebbe usato violenza sessuale nei confronti della maggiorenne mettendole prima le mani tra le gambe all’interno dell’auto, dicendole di "fargli qualcosa", e successivamente bloccandola fuori dall’auto. In quest’ultima circostanza, l’uomo avrebbe bloccato la ragazza, alzandole il vestitino e palpeggiandole le parti intime contro il suo volere, mentre cercava di divincolarsi per darsi alla fuga. Per fortuna la cugina della presunta vittima era riuscita a fuggire e a dare l’allarme con il suo cellulare chiedendo l’intervento dei poliziotti. Proprio l’arrivo degli agenti avrebbe fatto sì che l’uomo non portasse a termine l’azione delittuosa.
Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Siano a disposizione dell’autorità giudiziaria. Oggi Achille Curcio dovrebbe comparire davanti al giudice per le indagini preliminari del tribunale del capoluogo per la convalida dell’arresto. In quest’occasione, assistito dal suo legale, Curcio avrà la possibilità di fornire la sua versione dei fatti.
dalla Gazzetta del Sud del 24 ottobre 2011

Aggiungi un commento

Vostro Commento