Movimento Apostolico un’assise di tre giorni per parlare di Speranza

Domani le conclusioni di mons. Piacenza

Movimento Apostolico un’assise di tre giorni per parlare di Speranza

 

Giovanni Scarpino

Si sono aperti ieri sera, al teatro Politeama, i lavori del terzo convegno ecclesiale nazionale del Movimento Apostolico, alla presenza dell’arcivescovo di Catanzaro-Squillace, Antonio Ciliberti, relatore principale della serata. Un’assise di fedeli e di autorità civili, militari e religiose giunti da più parti della regione e anche dall’estero per riflettere sul tema "Nella Speranza siamo stati salvati", alla luce della lettera enciclica di Papa Benedetto XVI "Spe Salvi". I lavori, moderati dal teologo don Francesco Brancaccio, sono stati aperti dalla corale "Mater Redemptionis", diretta da don Biagio Maimone, seguiti dai saluti della presidente del Movimento Apostolico, Cettina Marraffa, e dell’assistente ecclesiastico centrale del sodalizio, mons. Costantino Di Bruno. Poi l’arcivescovo Ciliberti, nel salutare la fondatrice e ispiratrice Maria Marino e tutto il direttivo del Movimento Apostolico, si è soffermato sul tema "Cristo Gesù vera speranza dell’uomo", tracciando in chiave teologico-pastorale cos’è la speranza, come la civiltà vede la speranza e l’impegno di tutti i battezzati ad essere testimoni di speranza. Il presule ha ribadito che «la sete vera dell’uomo solo Cristo può colmarla, nessun altro al mondo». Per questo è necessario che «il cristiano, dinanzi alla sua limitata fragilità, ponga lo sguardo a Cristo, che è la speranza viva ed efficace, che parla ancor oggi all’umanità attraverso la sua Parola di salvezza». Un augurio che l’arcivescovo ha rivolto a tutti i presenti e alla missione stessa del Movimento Apostolico, impegnato da sempre, con amore e costanza, a «ricordare la Parola del Signore al mondo che l’ha dimenticata». Oggi i lavori vedranno la presenza dell’arcivescovo di Cosenza-Bisignano, Salvatore Nunnari, che rileggerà il tema "La Chiesa porta della speranza". Domani è attesa la presenza del segretario della Congregazione per il Clero della Santa Sede, l’arcivescovo Mauro Piacenza, che chiuderà i lavori con "L’unica fede e carità della Chiesa ci fa servi della vera speranza".

dalla Gazzetta del Sud del 26 Settembre 2008

Aggiungi un commento

Vostro Commento