Mini pale eoliche La Procura vuol vederci chiaro

La Procura della Repubblica ha acceso i fari sulla diffusione delle micro pale eoliche che vanno diffondendosi sul territorio di Isca sullo Jonio. Al momento si tratta di un’indagine che ha esclusivamente il fine di verificare che tutto, ovviamente, sia fatto nel rispetto delle norme. Nei mesi scorsi, un cittadino di Isca, Vincenzo Mirarchi, aveva segnalato alla Procura del capoluogo le possibili ripercussioni che una diffusione massiccia di tali impianti avrebbe potuto avere sul territorio: il potenziale problema stava nel fatto che non si sarebbe di fronte a un’installazione di decine e decine di aerogeneratori ma alla creazione di impianti ben più piccoli ma potenzialmente in grado di creare conflitti di natura civile tra proprietari di terreni confinanti. Così, ora, gli uomini del Corpo forestale dello Stato, delegati dalla Procura, hanno cominciato a svolgere dei sopralluoghi, soprattutto sulla fascia collinare di Isca, e acquisito dei documenti al fine di prendere contezza della situazione. Tra l’altro si tratta di capire anche quali possano essere gli eventuali aspetti critici nel contesto di una normativa che, probabilmente, al momento presenta qualche vuoto proprio per quel che riguarda l’installazione di queste mini pale eoliche.
Francesco Ranieri
dalla Gazzetta del Sud del 5 settembre 2013

Aggiungi un commento

Vostro Commento