Il Comune torna in rosa La Cecaro surclassa il gruppo di Zangari

Dopo oltre cinquant’anni una donna torna alla guida del Comune di San Sostene: Patrizia Linda Cecaro, con la lista “Insieme per San Sostene”, stravince con 665 preferenze su 829 votanti (ben 70 le schede nulle) la sfida elettorale con Cristian Michelangelo Zangari, a capo de “La colomba”, che ha raccolto 80 voti.
Così, a distanza di oltre mezzo secolo, la Cecaro riporta il colore rosa in cima al Comune, dopo l’esperienza vissuta negli anni 50. La Cecaro, 51 anni assistente sociale, è tra l’altro moglie del primo cittadino uscente Luigi Aloisio (giunto al suo secondo e dunque conclusivo mandato). Dall’altra parte, a capo della lista avversaria c’era un consigliere della maggioranza uscente, che nel corso della campagna elettorale aveva già espresso comunque sarebbe andata la volontà di collaborare con l’altra compagine in seno all’assise cittadina.
La campagna elettorale si è in effetti contraddistinta per i toni “morbidi” e la sostanziale convergenza programmatica che dovrebbe dunque portare a un quadro stabile in consiglio comunale dove per la maggioranza entrano: Michele Aversa, Isabella Corasaniti, Giuseppe Romeo, Domenico Frustagli, Caterina Corapi, caterina Sanzo, per la minoranza, invece, assieme a Zangari Paola Buoncore e Raffaelle Corapi. Spicca tra le performance dei vari candidati quella di Isabella Corasaniti (figlia del vicesindaco uscente Michele), che ha ottenuto la bellezza di 282 preferenze, praticamente il 42 percento dei voti presi dalla lista.
L’altro consigliere a tre cifre é Michele Aversa, con 124 voti.

Patrizia Linda Cecaro
INSIEME PER SAN SOSTENE
Sindaco eletto
Candidati della stessa lista
MicheleAversa 124
Isabella Corasaniti 282
CaterinaCorapi 35
GiuseppeRomeo 49
DomenicoFrustagli 6
Maria CaterinaSanzo 27
GiuseppeProcopio 2
FrancescoProcopio 0
FrancescoGualtieri 0

Cristian M. Zangari
LA COLOMBA
Candidato Sindaco
Candidati della stessa lista
PaolaBuoncore 25
RaffaellaCorapi 14
FrancescoCorapi 2
PasqualinoFrustagli 1
DanieleRomeo 0
LucianaProcopio 0
EsterMongiardo 0

dalla gazzetta del sud del 17 maggio 2011

Commenti (5)

oretta18 maggio 2011 alle 11:08

le vincite facili non mi sono mai piaciute, comunque staremo a vedere le performance della nuova amministrazione tutta al rosa

Gregorino Capano21 maggio 2011 alle 20:35

Le vincite facili in politica hanno due significati cara Oretta: una ottenendo dei voti in modo illegale e la seconda per preferenze legittime e meritate per il buon lavoro svolto da suo marito nelle due precedenti consigliature, San Sostene, in questo momento ha bisogno di proseguire la continuazione del marito sindaco per due legislature, i progetti sono tanti ed anche impegnativi, ci sono megastrutture da ultimare ed il sindaco uscente e’ la persona ideale per affiancarla nel duro ed impegnativo incarico.
Io alla signora Linda Patrizia Cacaro le do’ un in bocca al lupo e le auguro un tranquillo cammino nella veste di primo cittadino e penso che maggior parte la pensano come me. Se amiamo San Sostene, dobbiamo essere vicino alle istituzioni. Buon lavoro Sindachessa.

oretta21 maggio 2011 alle 22:37

caro gregorino
premetto che contro il nuovo sindaco non ho nulla come persona, come sindaco la giudicherò su quello che farà

però quando ci si presenta per “proseguire e continuare il lavoro del marito” la cosa mi preoccupa

se hai visto in che ocndizioni è il lungomare dopo due anni dalla sua ristrutturazione, le buche ovunque che impediscono la viabilità, le fogne che scoppiano, i cassonetti rotti e stracolmi, l’ unica campana del vetro in marina piena dall’anno scorso e mai vuotata, questo non mi fa certamente pensare ad una buona amministrazione, sono queste le cose che un cittadino si aspetta funzionino in primis

essere vicini alle istituzioni significa avere fiducia in esse e se permetti la fiducia si da alle cose serie

salutami anche carla
a presto

Gregorino Capano23 maggio 2011 alle 16:30

Ti capisco Oretta, ma le condizioni che tu mi racconti, in questi periodi sono sempre esistiti, questo non e’ un atto negativo di San Sostene ma di tutta la costa. Capisco che la pulizia e l’ordine piacciono a tutti. Ma io ho sempre rispettato un detto: fino a prova contraria siamo tutti innocenti. Quando sara’ il momento cercheremo di collaborare in modo moderato come da mio stile (come mia acqua potabile). Quando saro’ giu’ cerchero’ di agire come si deve ma mai condannare o criticare prima. Un saluto da Washington da Carla e da miei ragazzi…

oretta23 maggio 2011 alle 22:32

ho già premesso che non sono prevenuta con nessuno, ma quello che mi preoccupa è il modo in cui sono state fatte le due liste gemelle e la consequenzialità che si vuole dare all’operato della giunta precedente.

Penso che mantenere ordine in un piccolo posto come questo non sia poi così impegnativo, ci vuole poco a vuotare i cassonetti soprattuto d’estate più frequentemente, pulire il lungomare e renderlo vivibile dopo quello che ci è costata la sua ristrutturazione, tra l’altro durata meno di un secondo tanto che si parla di ristrutturare di nuovo
ma dove si è vista mai una cosa del genere?

quello che mi aspetto da chi mi amministra è attenzione al cittadino e non penso che presentare un pese pieno di buche, con le fogne che vomitano cacca ogni volta che piove , il litorale da ripulire sia un bel biglietto da visita soprattutto per i turisti che iniziano a frequentare le nostre spiagge grazie al meridie che si fanno un culo tanto per portarceli

per non parlare delle puzze di fogna che si respirano sul lungomare durante le nostre passeggiate serali

se io avessi un marito sindaco che ha amminsitrato come è stata amministrata san sostene in questi anni non solo lo avrei cacciato da casa , ma mi sarei vergognata a candidarmi rivendicandone poi la conseguenziailità di quanto fatto dal costui
evidentemente in famiglia c’è un concetto bislacco per come si amministra un paese

a me dell’eolico e dell centro commerciale frega ben poco se i servizi essenziali mi vengono negati

è questo che contesto e non perchè sono prevenuta ma perchè ho già subito e penso che basti
comunque la responsabilità è anche e soprattuto di chi ha permesso che le due lsite corressero da sole, ma questa è la calabria e ci vorrà tempo e tante batoste ancora perchè si decida a cambiare

fai gli auguri a tuo figlio e alla futura sposa, un saluto a tutti
a presto

Aggiungi un commento

Vostro Commento