Il 9 Maggio a Soverato “100 passi contro la mafia”

“Troppe volte ci dimentichiamo di ricordare. E non ricordare è un po’ come uccidere una seconda volta.” Con questo spirito si vuole riproporre la seconda edizione (sarebbe più giusto dire il secondo passo, dopo quello dell’anno scorso) della manifestazione “Cento passi per il sud liberato dalle mafie.” Gli organizzatori e promotori di questo evento sono i ragazzi di Metasud, associazione affatto antimafia piuttosto culturale, che ha sentito l’esigenza di ripetere per il secondo anno, dopo quella del 4 gennaio 2007, una manifestazione il cui senso è soprattutto quello di lasciare il ricordo delle tante, troppe vittime di mafia della nostra terra, che spesso non ricordiamo e a volte neppure conosciamo. Antonino Scopelliti, Rocco Gatto, Gianluca Congiusta, Salvatore Aversa, Lucia Precenzano; sono solo alcune delle tante vittime della mafia in Calabria e purtroppo spesso si constata come molte di queste persone vengono ignorate, pur essendo simbolo della lotta alla mafia nella nostra regione. Un esempio su tutti: Antonio Scopelliti, magistrato cassazionista nato a Campo Calabro, venne assassinato nell’agosto 1991, mentre era in vacanza nel paese d’origine con la famiglia, proprio mentre lavorava allo stesso maxiprocesso per il quale persero la vita anche Falcone e Borsellino l’anno successivo. Scopelliti venne ucciso un anno prima dei magistrati siciliani, eppure troppe volte ci si dimentica di chi fosse e cosa fece.

In una riunione organizzativa, alla presenza di rappresentanti di alcune delle associazione che lo scorso anno presero parte alla manifestazione, la Consulta giovanile di Badolato, l’università della Terza Età di Soverato, il gruppo Amnesty Internazional di Catanzaro, si sono discusse, presso l’ ITC di Soverato, le linee fondamentali della prossima manifestazione, la cui data coinciderà, volutamente, con l’anniversario dei trenta anni della morte di Peppino Impastato, un po’ il simbolo della lotta alla mafia, il 9 maggio prossimo.

La manifestazione, che dovrebbe coinvolgere enti, istituzioni ed ogni genere di associazione, sarà probabilmente iniziata da un corteo per le strade di Soverato, per culminare in piazza col consueto dibattito e concerto, attorno ai quali si riuniranno gli stands di tutte le associazioni partecipanti.

Novità di quest’ anno sarà la partecipazione attiva di tutte le scuole, elementari, medie e superiori, dell’intero comprensorio, che aderiranno alla manifestazione con un concorso immediatamente precedente all’evento, con cartelloni, poesie e altre forme di arte sul tema della mafia, che verranno poi premiati.

Un momento importante per Soverato, per interrogarsi se la perla dello Jonio, come notoriamente Soverato è conosciuta fuori dalla Calabria, sia ancora quell’isola felice che molti vogliono dipingere.

 

(da Calabria Ora del 19.04.2008)                       VITTORIA CORASANITI

Commento (1)

Gregorino21 aprile 2008 alle 17:21

Invito la gente che intende lottare contro questo male inestirpabile di partecipare a questa manifestazione significativa e ricca di valori morali e migliorativi per la nostra cara Calabria che da anni soffre, questa gentaglia evita lo sviluppo economico di questi luoghi. Nel sito del Ilcalabrone.net ho dedicato un articolo su questa manifestazione. Se mi trovavo in Calabria, non sarei mancato. Auguri a tutti ed auspico una grande folla di gente. Distintamente Gregorino Capano.

Aggiungi un commento

Vostro Commento