I giovani del Prisma aspettano la primavera col libro sotto braccio

Mario Arestia
Davoli
Oggi, alle 16, i ragazzi del centro "Diversabili Prisma" di San Sostene, saranno impegnati nella manifestazione denominata Festa di primavera. La narrazione come cura di sè".
Il presidente del centro "Prisma", Giuseppina Ranieri, così afferma: «Il laboratorio di narrazione è nato nell’àmbito di un progetto di scrittura creativa che ha coinvolto i ragazzi in un’attività di laboratorio durata tre mesi con l’ausilio degli operatori del centro, l’educatrice professionale e la psicologa. Questo lavoro, portato avanti con impegno e forte partecipazione, ha coinvolto particolarmente gli utenti che hanno evidenziato un notevole miglioramento delle loro capacità espressivo, comunicative e cognitive. La narrazione, infatti, è stata utilizzata in questo àmbito come strumento terapeutico e formativo che valorizza il ruolo della parola e del linguaggio come mezzo in grado di restituire autenticità a chi lo utilizza e lo fa proprio. Un importante metodo pedagogico, dunque, in grado di dar voce non solo a livello verbale ma anche e soprattutto interiore ai nostri ragazzi "speciali"».
La manifestazione si terrà nella biblioteca comunale di Davoli, luogo questo di cultura e di grande valore per il nostro paese, grazie alla disponibilità della presidente dei "Vincenziani", Angela Moraca e di Aldo Marcellino.
Nel corso del convegno verranno proiettate delle immagini sul lavoro svolto dai ragazzi ed in seguito verrà consegnato un’ opuscolo "Con la penna e con il cuore" che contiene i racconti scritti dai ragazzi del centro.
Al termine della manifestazione si potranno gustare i dolci realizzati con gli agrumi e verranno esposte le marmellate di agrumi realizzate dai ragazzi del centro nel laboratorio cucina.
All’incontro hanno assicurato la loro partecipazione numerose autorità locali e i massimi esponenti della politica locale e provinciale.
dalla Gazzetta del Sud del 31 marzo 2012

Aggiungi un commento

Vostro Commento