Funerale di Procopio il Parroco ” Perdonate”

 

Funerale di Procopio il Parroco "Perdonate"

Si sono svolti nella Chiesa di San Roberto Bellarmino  di Davoli Marina alle ore 17.30, i funerali di Agostino Procopio. L’uomo di 31 anni nato a Monza,  che è stato barbaramente ucciso nella notte di venerdi scorso a San Sostene in località Lacco, cittadina della fascia jonica catanzarese, intorno alle ore 22.30 mentre usciva dalla villetta dove abitava con i familiari ,  è stato raggiunto da due sicari che lo hanno crivellato di colpi, presumibilmente con un fucile calibro 12 caricato a pallettoni, proprio sul  cancello di casa mentre era  in sella alla sua moto.  Alla  funzione religiosa ha partecipato moltissima gente la Chiesa era stracolma, nella sua omelia il Parroco Don Gregorio Montillo ha detto, “ Ho visto crescere Agostino con i fratelli e le sorelle custoditi dall’amore della madre ed in questo momento penso allo strazio che c’è nel suo cuore. Eravamo in Spagna in pellegrinaggio verso fatima quando abbiamo appreso la notizia della morte violenta di questo ragazzo. Siamo vicini a questa famiglia, straziata da questo evento, non soltanto con il silenzio ma soprattutto con la preghiera. Come avrei voluto, continua Don Gregorio, che questo momento non ci riunisse qui oggi e ho pensato proprio al vangelo che ho letto, bisogna avere rispetto per la vita e penso alle parole di Gesù – Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno-. In conclusione  Don Gregorio ricorda che  ci deve essere  il perdono che può far rifiorire la vita se questo non ci sarà si continuerà a distruggere la vita una volta  di uno una volta  di un altro. Ecco l’appello noi toccati anche nella nostra realtà di comunità dobbiamo accorgerci che la morte di Agostino è una sconfitta per tutti noi, siamo tornati indietro nel tempo, abbiamo bisogno di risorgere a nuova vita anche se sarà duro e doloroso questo è il futuro un’altra strada porta alla distruzione. Cerchiamo di essere vicini alla famiglia con la preghiera e cerchiamo di far diventare questo nostro ambiente un focolare di vita”.

Agostino Procopio lascia la moglie Emanuela e la figlioletta di appena nove mesi.

                                                                                         Da Calabria Ora del 29.07.2010           Mario Arestia

Aggiungi un commento

Vostro Commento