Eolico- Nel 2009 installati 1.114 Mw. E’ record

Costruzione Parco Eolico - Foto di Stepro - Scattata dal Lungomare di San Sostene

Eolico- Nel 2009 installati 1.114 Mw. E’ record

Sono 1.114 i MW installati e 6,7 i TWh di elettricità prodotti nel 2009 nel settore dell’energia eolica, pari al consumo domestico di 7 milioni di italiani e circa 4,7 milioni di tonnellate di anidride carbonica risparmiate. A fornire i dati sono Anev, Enea, Aper e Ises. Nel comunicato stampa congiunto, si legge che il 2009 si e’ chiuso con una potenza eolica efficiente di 4.850 MW di cui piu’ di 1.100 MW installati nel corso dell’anno appena conclusosi, nuovo record assoluto per l’Italia, e con un dato di produzione elettrica molto importante che evidenzia il significativo apporto dell’eolico al sistema elettrico, con una crescita del settore su base annua superiore al 30% mantenendo una percentuale analoga a quello degli anni precedenti, nonostante la crisi finanziaria che a livello nazionale ed internazionale ha investito nel 2009 l’economia.

Il 2009 si e’ concluso con il record storico di installazioni per l’Italia, dato che conferma il fatto che il nostro Paese ha oramai il passo del resto del mondo, e che seppur ancora non al livello dei principali mercati europei, e’ in linea con il raggiungimento degli obiettivi Comunitari in tema di rinnovabili al 2020. L’anno appena concluso ha fatto registrare quindi per il settore eolico italiano un nuovo record assoluto sia in termini di nuova potenza installata che ha raggiunto 4.850 MW, sia per quanto riguarda la produzione elettrica pari a circa 6,7 TWh equivalenti ad oltre il 2,1% del Consumo Interno Lordo.

Anev, Enea, Aper e Ises Italia sottolineano con soddisfazione che le previsioni a suo tempo formulate e pubblicate sono state ancora una volta pienamente rispettate, e che tale importante risultato non solo ha contribuito ad una riduzione delle emissioni e ad un incremento della produzione rinnovabile estremamente rilevante, ma ha anche contribuito allo sviluppo occupazionale, industriale ed economico del nostro Paese.

Inoltre segnalano il ruolo di crescente rilevanza assunto dai processi innovativi connessi allo sviluppo di iniziative ad alto valore tecnologico che tali installazioni stimolano, nella ricerca continua di processi avanzati di sviluppo, realizzazione e gestione dei parchi eolici. I dati del 2009 sono in linea con gli obiettivi settoriali, e consolidano il dato del 2008, consentendo all’Italia di rimanere nell’eolico il terzo Paese in Europa e il sesto nel mondo, nonostante il quadro normativo del settore (Autorizzazione Unica, Ripartizione dell’obbligo tra le Regioni, Linee Guida e adeguamento delle infrastrutture energetiche) non sia ancora stato definitivamente completato.

Questi gli interventi necessari che le Associazioni auspicano vengano presto assunti dal Governo, consentirebbero di sfruttare pienamente il reale potenziale eolico nazionale, stimato in oltre 16.000 MW, facilitando la copertura di tale potenziale con una maggiore efficienza, funzionalita’ e trasparenza.

fonte ANEV ENEA

Commenti (2)

admin15 gennaio 2010 alle 12:22

Nella foto le nuove torri commissionate dall’ Eolica Sud Srl alla Nordex, azienda tedesca produttrice di turbine eoliche, sono 15 turbine modello N80/2500 che verranno installate nel versanto nord del parco eolico di San Sostene. Il Parco, costruito ad un’altezza tra il 950 e i 1200 metri, avrà una capacità totale di 90 MW, 37,5 MW verranno da queste nuove turbine che stanno montando, il resto verrà prodotto dalle torri eoliche già esistenti sul versante sud .

Ricordiamo che 90MW è la potenza massima che il parco può produrre , quella effettiva si riduce drasticamente scendendo a meno di un quarto.

Per chi volesse leggersi le caratteristiche delle nuove torri può cliccare qui http://www.nordex-online.com/fileadmin/MEDIA/Produktinfos/EN/Nordex_N80_2500_ITA.pdf

Velenocz19 gennaio 2010 alle 10:04

Stefano,

la producibilità di una parco eolico si misura in ore equivalenti, perchè sarebbe impensabile che un impianto on-shore produca sempre 90 MW.
Se il parco eolico di San Sostene produce 1/4 della sua potenza significa che ha circa 2200 ore di produzione equivalente, per cui credo che abbia una ventosità buona per un impianto on-shore.
Qusto per quanto riguarda la producibilità, per quanto riguarda l’impatto ambiantale devo dire che il parco eolico di San Sostene ha avuto un notevole impatto, sopratutto visto che hanno dovuto costruire delle autostrade dove c’era “nù violo”.

Ciao

Aggiungi un commento

Vostro Commento