Davoli e San Sostene “baciate” dal turismo

Positivo il bilancio di presenze con un incremento del 10% di forestieri, un dato in controtendenza 
rispetto ad altri centri del comprensorio

Gli imprenditori locali: il nostro successo? Dipende da qualità del servizio e prezzi modici

Finita l’estate è tempo di bilanci. Sebbene il “mercato del turismo” non è stato positivo, anzi è contraddistinto da un trend negativo. Si parla di un calo di circa il 30%. E questo ha lasciato con l’amaro in bocca tanti operatori, ma non per tutti è andata male. Davoli e il vicino comune di San Sostene, per esempio, presentano numeri in controtendenza con un trend che ha raggiunto addirittura in alcuni casi un incremento del 10%. Abbiamo ascoltato alcuni imprenditori che operano appunto nel settore a cominciare da Giuseppe Ruggiero, in doppia veste di imprenditore turistico e di assessore al turismo all’interno del comune davolese. «Si è andati oltre le aspettative – afferma Ruggiero –, visto il trend nazionale negativo. Anche nel comprensorio sembra in linea con il trend nazionale. Qui, per fortuna, siamo riusciti ad avere maggiori presenze e una stagione del tutto positiva sotto il profilo di presenze ed economico ». – Assessore ci sarà stato un motivo per questa controtendenza. «Secondo un mio modesto parere diversi motivi hanno contribuito a questo andamento positivo. Un primo motivo sta nella destagionalizzazione delle aperture degli stabilimenti balneari, importante cosa poiché ritengo che le strutture presenti non debbano essere solo fruiti dai turisti ma anche dalla popolazione residente. Secondariamente, si è sempre favorita l’assunzione nel nostro staff di persone preparate nel settore della ricezione turistica, capaci di fornire un servizio eccellente». – Cosa ha contribuito ad attirare i turisti? «Altro importante tassello sarà stata l’interessante combinazione tra qualità, servizi e prezzi che hanno permesso a tutti di poter trascorrere delle piacevoli giornate nelle varie strutture davolesi a prezzi modici». Altro operatore turistico davolese interpellato è stato l’arch. Franco Calabretta. – Vuol fare un bilancio? «Se devo fare un bilancio della stagione turistica appena conlusasi, alla luce delle pessimistiche previsioni di inizio estate, questo non può essere che comunque positivo. Essere positivi è nella natura della nostra compagine societaria, che gestisce il chiosco sulla spiaggia e la struttura ricettiva con appartamenti e annesso ristorante. È una predisposizione che deriva dai miei genitori che, tra i primi a Davoli marina, han-no creduto nelle potenzialità del settore turistico come importante attività di crescita e di sviluppo economico e socio-culturale». – Il segreto del successo? «Bisognerebbe allungare la stagionalità con un vero potenziamento delle infrastrutture, soprattutto quelle aeroportuali e il loro collegamento con le zone turistiche. Io credo che la presenza di un flusso costante di turisti sarebbe un generatore di positività ». Da Davoli ci spostiamo nella vicina cittadina di San Sostene per ascoltare il parere di un altro operatore nel settore della ristorazione, Domenico Postella. – La crisi ha colpito il settore della ristorazione, ma lei ne sembra immune. Ci sarà un motivo? «La crisi che investe il nostro paese non ha toccato fortunatamente la mia attività in quanto credo che creando delle ottime basi sia sui prodotti sia con la cortesia e professionalità si possa costruire un futuro pieno di ottimi risultati. Il nostro miglior biglietto da visita nasce nell’accurata pulizia di tutti i locali, dall’ottima sinergia creata tra sala e cucina. Credo che in molte attività oggi questi particolari vengono sempre di più a mancare». – La ricetta dunque sta nella qualità, nel servizio e diciamo anche nel prezzo? «Per formare il prezzo ci servono tanti elementi, ma la base sta nella qualità delle materie prime stesse. Un mare pulito, spiagge candide e una politica imprenditoriale saggia hanno fatto sì che si viaggiasse bene in questo scorcio di Jonio». 

Mario Arestia
dalla Gazzetta del Sud del 1 Ottobre 2013

 

 

Aggiungi un commento

Vostro Commento