Dal vino al pesce, Slow food invita al consumo corretto

Maria Anita Chiefari
Soverato

"Un mare di.vino, un mare divino"è stato il tema dell’incontro Slow food Soverato, dedicato alla campagna di Slow food Mangiamoli giusti, beviamo meglio, proposta nella cornice del Roof Garden dell’hotel San Domenico. Sono stati chiamati all’appello da Marisa Gigliotti, presidente Slow Food Calabria, produttori, ristoratori, enogastronomi, ambientalisti, politici e semplici buongustai, per affrontare il tema della maggiore o minore consapevolezza del come e del da dove il pesce che mangiamo arriva sulla nostra tavola, e degli abbinamenti con i vini calabresi. Al tavolo dei lavori, accanto a Marisa Gigliotti, Teresa Pittelli in veste di moderatrice, Antonio Caridi, assessore regionale alle Attività produttive, Maurizio Gioviale, assessore alle Attività produttive del Comune di Soverato, Gerardo Mancuso, primario ospedaliero a Lamezia Terme, Gennaro Convertini, presidente regionale Ais (associazione italiana sommeliers), Mimmo Garufi, dell’associazione Poseidon, Romolo Piscioneri, segretario generale Adiconsum Calabria. Soverato si sposa benissimo sia con il pesce che con il vino: con il primo per la presenza di un mare azzurro; per il secondo, considerate le sue origini storiche, in quanto il suo nome deriva dagli alberi di sughero, materiale con cui si fanno i tappi delle migliori bottiglie di vino. Negli ultimi anni, i pescatori catturano le specie più richieste, tralasciando quelle abbondanti ma poco conosciute. La campagna di Slow Food vuol guidare il consumatore all’acquisto consapevole, privilegiando il "pesce povero" a basso costo, abbondante e con garanzie di freschezza. Nell’incontro è stata poi presentata la VII edizione della rassegna "Vini in vetrina e in degustazione" (domenica 27 giugno, dalle ore 18). Un progetto che punta a far conoscere i vini calabresi degustandoli in una location strategica come l’area parcheggio della stazione ferroviaria, ed esponendoli nelle vetrine del Corso. Su prenotazione, sarà possibile partecipare ai salotti di degustazione con i produttori, a cura dei negozi partecipanti. Oltre 20 le aziende aderenti all’iniziativa da tutta Italia.

dalla gazzetta del sud del 20 giugno 2010

Aggiungi un commento

Vostro Commento